Eventi

  • Non ci sono eventi

Jammin’

1090

Giu 22, 2021

Se cercassimo la parola jam su un dizionario Inglese-Italiano scopriremmo che significa “compressione, pigiamento”, oppure “inceppamento” o persino “guaio, casino”; il verbo to jam di conseguenza significa “premere, bloccare”. E tutto ciò è davvero bizzarro, se pensiamo che per noi Jam, e soprattutto to jam coniugato al gerundio (Jammin’, con l’elisione della g finale) significa esattamente il contrario.


Jammin’ significa rimettersi in moto. Questo giovedì ci ritroveremo (in tanti? speriamo proprio di sì!) nella nuova area eventi del Circolo ARCI Il Botteghino per suonare e cantare insieme, o anche solo per ascoltare amici che suonano e cantano, dopo mesi e mesi di pausa. È il primo evento di questa nuova stagione del Botteghino, un evento a cui molti altri seguiranno: oltre alle jam session, che si svolgeranno regolarmente ogni giovedì, a volte con la partecipazione di ospiti speciali), vi offriremo concerti, spettacoli teatrali (“Il medico matto” di Remo Lenci, venerdì 9 luglio), dibattiti (“… e la Colombia?”, questo sabato alle ore 18:00), presentazioni di libri (“La rosa è viva” di Denise Ciampi, venerdì 2 luglio), solo per citare gli appuntamenti più vicini. Non vi resta che consultare regolarmente questa pagina (o i nostri canali Facebook e Instagram) per essere costantemente aggiornati sulle nostre iniziative.
Quindi, let’s jam!

[Per chi fosse curioso: Jam deriva da Jamu, un termine che nella lingua degli Yoruba (una tribù dell’Africa occidentale) significa “suonare insieme”; il termine si diffuse tra i jazzisti americani fin dagli anni 20 del secolo scorso per indicare una riunione (una session) in cui si suonava insieme improvvisando su alcuni standard e, lentamente ma inesorabilmente, a partire dagli anni 60, l’espressione Jam Session cominciò a essere usata anche negli ambienti del rock – N.d.A]

Una pallina su una roulette

1502

Mag 21, 2021

Ho aspettato a scrivere queste righe. Volevo capire bene; anzi, per dire meglio, volevo capire se avevo – se avevamo – capito bene. No, perché sembrava che le attività dei circoli, delle “associazioni di promozione sociale” come si chiamano adesso, fossero tra le ultime cose a ripartire: insieme al gioco d’azzardo, per dire. E ovviamente non ci volevo – non ci volevamo – credere.

E invece è proprio vero. Così ci considerano i nostri governanti: non fanno differenza, insomma, tra chi cerca, nel suo piccolo, di “mettere in circolo” le idee (come dice uno slogan dell’ARCI) e chi mette in circolo una pallina su una roulette.

Per quanto mi sforzi non riesco a trovare alcuna giustificazione a questa misura. Non è dettata dalla necessità di contenere la diffusione della pandemia, questo è certo: altre realtà, potenzialmente più “pericolose” della nostra, hanno già ripreso a funzionare.

L’unica spiegazione che mi appare plausibile è questa: delle “attività di promozione sociale” (anzi, della promozione sociale punto e basta) a questo governo non importa una sega. Per dirla con Toti, noi non siamo “indispensabili allo sforzo produttivo del Paese” – il che è vero, verissimo, innegabile: che se ne fa, il Paese, di gente come noi, che si dà da fare solo per il gusto di costruire una comunità senza guadagnarci, e senza far guadagnare, una lira? Eppure, be’, l’idea che un Paese, che una collettività, possa fondarsi solo sullo “sforzo produttivo” non riesco – non riusciamo – a mandarla giù.

Dicevo al Tirreno, qualche giorno fa, che certe iniziative (ricreative, sociali, culturali) sono per noi indispensabili. Ed è vero, ma non per ragioni puramente economiche, come si potrebbe pensare: sono indispensabili perché il nostro Circolo è questo e non altro. Senza quelle attività saremmo un bar. Non che ci sia niente di male, in un bar, per carità; ma se volessimo che Il Botteghino fosse un bar certamente non staremmo qua a sbatterci. E a questo proposito, lasciate che spenda due parole di plauso per i volontari vecchi e nuovi che in questi giorni si stanno dando da fare per attrezzare aree in cui sarà possibile svolgere eventi in piena sicurezza: la loro passione ci ripaga di ogni amarezza.

E intanto, direte, che si fa? Niente: aspetteremo diligentemente il primo di luglio per riprendere a fare quel vogliamo e dobbiamo fare. Siamo solo una pallina su una roulette; e anche la roulette, a pensarci bene, non si metterà in moto prima di quel giorno.

Nel frattempo continueremo a fare l’unico lavoro che ci è consentito, quello del bar, appunto. Vi aspettiamo il venerdì, il sabato e la domenica dalle 18 fino all’ora che via via il coprifuoco ci consentirà. Se volete venire a trovarci a noi farà piacere.

Lentamente si riparte

1774

Mag 6, 2021

Lentamente, ma si riparte. Così, dopo l’exploit del Primo Maggio, ci riproviamo questo sabato, l’8, anche se non è una ricorrenza particolare (è il compleanno di Vittorio Sgarbi ma – non so voi – a me di festeggiarlo non passa assolutamente per la testa).


Dalle 17:30 alle 21:30 (così che si abbia il tempo di far ritorno alle nostre case per le 22 come la legge impone) due volenterosi volontari vi accoglieranno e vi serviranno bevande di vario tipo che potrete consumare con calma nella nostra terrazza esterna. Oh, vi avvertiamo, i volontari sono volenterosi ma alle primissime armi: non sono in grado forse di preparare raffinati cocktail e long drink, ma caffè e bevande analcoliche, alcoliche e finanche superalcoliche… quella roba lì sì, la sanno servire.


Quindi, ecco, fate un salto a trovarci, se potete, e passate del tempo con noi – nel rispetto, è inutile dirlo, dei protocolli di sicurezza e cioè indossando la mascherina e evitando gli assembramenti; lo so, qualcuno penserà “che palle!”, ma è necessario: non perché lo dice la legge ma perché è il solo strumento che abbiamo per proteggere noi e tutti gli altri da un nemico invisibile che è tutt’altro che sconfitto ma, anzi, è sempre pronto a tendere i suoi agguati.


E vabbè’, dopo questo pistolotto, passiamo alle cose piacevoli. Ed è sicuramente piacevole annunciare che a partire dal 14 maggio il Circolo sarà aperto ogni venerdì, sabato e domenica dalle 18:00 alle 21:30 (si tratto di un orario ridotto che contiamo di poter estendere al più presto, così come contiamo di poter estendere la nostra offerta – al momento limitata all’attività di somministrazione – con gli eventi e le iniziative a cui vi avevamo abituati).
Ad maiora!

Si riapre!

1390

Apr 30, 2021

E sì, avete capito bene: domani, il Primo Maggio, il Circolo riapre le sue porte. Entrambe: quella d’ingresso e quella che conduce alla terrazza esterna, visto che è lì, come vogliono il buon senso e le disposizioni di legge, che la nostra merenda si svolgerà e confidiamo perciò che Giove Pluvio sia clemente e lasci trascorrere la giornata senza dar segno di sé.

Sarà una merenda alla buona, con panini, affettati, formaggi e gli irrinunciabili baccelli, i baccelli per antonomasia, quelli che contengono le fave e che potete vedere nella foto qua sopra. Sarà soprattutto l’occasione per incontrare di nuovo i vecchi amici del Botteghino e dell’Albero del Pepe, con cui abbiamo collaborato nell’organizzazione di questa cosa, e, perché no?, per conoscerne di nuovi.

Non possiamo offrirvi di più: fatta salva (grazie a un emendamento) la somministrazione, il governo ha imposto, mesi fa, la sospensione delle attività dei circoli e si è, evidentemente, dimenticato di revocarla nel momento in cui ha deciso per le riaperture; non potremo quindi organizzare dibattiti, concerti, proiezioni, nessun tipo, insomma, di iniziativa che pure è – e giustamente, per carità! – consentita ad altre realtà. Non c’è bisogno di dire che contiamo che queste limitazioni vengano rimosse al più presto: quel che ci viene vietato è la stessa ragione di essere del Botteghino, dell’Albero del Pepe e di moltissime altre associazioni come le nostre.

A domani (sempre che il già citato Giove non ci metta – anche lui! – i bastoni tra le ruote).

La femme d’argent (cover di AIR)

1201

Apr 13, 2021

Jam virtuale con pillole di arrangiamento per “La Femme d’Argent”, un brano degli AIR, un gruppo seminale che insieme ai Daft Punk è stato fondamentale per la scena electro pop anni 90. Al lavoro su questa cover troviamo Gianni Capecchi (chitarra), Viviana Marino (voce), Francesco Marino (tastiere) e Sandro Marzocchini (basso).