Acqua pubblica: dieci anni dopo

2096

Ago 29, 2021

Sono passati poco più di dieci anni da quella domenica di giugno in cui 26 milioni di italiani chiesero a gran voce, tramite un referendum popolare, che l’acqua fosse considerata un “bene comune” e non una fonte di profitto per qualche azienda privata.

Dieci anni dopo siamo qui a domandarci: la volontà di quei 26 milioni di italiani è stata rispettata?

Diciamo la verità: il fatto che su questo tema abbiamo organizzato un dibattito pubblico dal titolo “Il referendum tradito” lascia pochi dubbi su quale sia il nostro pensiero in proposito; del resto non sta scritto da nessuna parte che chi organizza un dibattito del genere, pur invitando a parlare esponenti dell’una e dell’altra fazione, debba mantenersi neutrale.

Il dibattito avrà luogo lunedì 30 agosto alle ore 21:30 nella piazza Gino Strada del Circolo Arci Il Botteghino. Interverranno Stefano Petroni, del Forum Acqua Valdera, Matteo Franconi, sindaco di Pontedera e Giuseppe Sardu, presidente di Acque S.p.A. La discussione sarà moderata dal nostro Sergio Capecchi. Insieme a loro cercheremo di capire cosa è stato fatto in questi dieci anni e cosa si prevede di fare nell’immediato futuro in materia di ripubblicizzazione del servizio idrico

Aderiscono all’iniziativa Rifondazione Comunista – Circolo Karl Marx di Pontedera, Progetto Pontedera, il Circolo L’Albero del Pepe di Pontedera, Arci Valdera, l’Associazione La Rossa di Lari e Legambiente Valdera.

Eutanasia legale

3208

Lug 31, 2021

La battaglia a favore dell’eutanasia legale non è, come sostengono alcuni, una battaglia a favore della morte: è, al contrario, una battaglia a favore della vita intesa nel suo significato più ampio.

“Molte persone gravemente malate oggi non sono libere di scegliere fino a che punto vivere la loro condizione. Non hanno diritto all’aiuto medico alla morte volontaria, al suicidio assistito o ad accedere all’eutanasia come è invece possibile in Svizzera, Belgio, Olanda, Spagna, Canada, molti Stati degli Stati Uniti e sempre più Paesi nel mondo.Persino a fronte di una proposta di legge di iniziativa popolare depositata nel 2013 e due richiami della Corte costituzionale, il Parlamento in tutti questi anni non è mai riuscito a discutere di eutanasia legale. Ecco perché, a fianco delle persone che non possono aspettare i tempi della politica e della giustizia, abbiamo deciso di dare la parola ai cittadini con un referendum”: con queste parole l’Associazione Luca Coscioni ha lanciato nell’aprile di quest’anno la raccolta di firme per indire una consultazione popolare sul tema della “buona morte”.

Non crediamo ci sia molto da aggiungere: quella per la “buona morte” è a tutti gli effetti una battaglia di civiltà che abbraccia molti argomenti, a partire dal tema (più volte tirato in ballo a sproposito in questi ultimi tempi) della libera scelta per giungere ai temi della qualità e della dignità della vita – e dignità della vita significa indubbiamente dignità anche nella sua conclusione.

Per questo il Circolo ARCI Il Botteghino ospiterà stasera, a partire dalle ore 22:00, nel corso dell’evento “Canzonacce e ponci” organizzato dall’Albero di Pepe di Pontedera, un banchetto per raccogliere firme a favore di questo referendum (è necessario presentare un documento di identità). Per saperne di più vi invitiamo a visitare il sito referendum.eutanasialegale.it